banner.gif (1944 bytes)
 
Iscriviti alla newsletter
Cerca nel NoProfit
   
 
   
   
   
 
   

Renate Siebert "storia di Elisabetta" (Pratiche Editrice)
Quali possibilitł ha una donna giovane, non inserita nel sistema dei partiti, orientata a sinistra, di vincere le elezioni in un piccolo paese calabrese, dove impera la mafia, dove il consiglio comunale Ć stato sciolto due volte nel giro di pochi mesi per infiltrazioni mafiose?

Elisabetta Carullo, ventottenne, laureata, Ć la dimostrazione che il coraggio e la volontł di cambiare possono vincere anche in una situazione cosô difficile. Candidata e sostenuta da una lista civica che si contrappone al potere mafioso locale, viene eletta sindaca nel 1994 e riconfermata nelle elezioni successive, a Stefanaconi, in Calabria.
La sua prima campagna elettorale e i primi tempi della sua amministrazione sono stati difficili: gli attentati, la derisione, i pettegolezzi, ogni genere di tentativo per cercare di minarne la sua volontł e le possibilitł di successo. Ma il coraggio di Elisabetta, la sua costanza, la solidarietł degli "abitanti che hanno trovato un loro punto di riferimento e, molti, anche il coraggio di uscire allo scoperto", l'appoggio del giovane parroco, l'affetto del marito che l'ha sempre sostenuta e spinta a proseguire, sono risultati vincenti, hanno decretato la sconfitta di chi aveva istituito un potere illegale che, oltre ad essere un ottimo affare per chi lo gestiva, aveva bloccato lo sviluppo sociale, economico e umano del paese.
Le storie di Stefanaconi e della sua sindaca sono state raccolte, nel libro "Soria di Elisabetta" pubblicato da Pratiche Editrice, da Renate Siebert, sociologa, docente all'Universitł della Calabria e autrice di vari saggi sulla mafia e sulla condizione delle donne nel Sud d'Italia. Ma, racconta Elisabetta Carullo, "non voglio essere considerato 'il sindaco antimafia' un simbolo della Calabria da questo punto di vista": all'impegno contro la mafia e alle denunce, lo sforzo Ć anche quello di dare al proprio paese una nuova dignitł culturale.
In questi anni Stefanaconi ha cambiato volto: Ć nata la biblioteca, la scuola Ć stata trasferita in un palazzo piŁ grande, i concerti di musica classica sono frequenti e molto seguiti, "Villa Elena - Il giardino della cultura", una grande villa con parco, sala mostre, anfiteatro e forno antico Ć oggi una realtł e c'Ć il progetto per la realizzazione di un teatro. Se uno dei punti di forza della mafia Ć stato quello di mantenere l'ignoranza tra la popolazione, l'obiettivo della giunta che le si contrappone non puś essere che quello di puntare sulla cultura.
Intanto, si sono avviate molte altre opere, come la costruzione della fognatura e la ristrutturazione degli alloggi comunali; Stefanaconi si Ć gemellata con Sesto Fiorentino, cittł con la quale esistono fitti scambi di idee, di cultura e di giovani che vengono ospitati durante le vacanze. Un altro importante gemellaggio Ć quello con il popolo Sahariani che lotta contro il Marocco per riacquistare i propri territori.
A tutto questo importante lavoro, realizzato in pochi anni tra l'incredulitł di molti, mancano ancora alcuni tasselli per creare quella soliditł che puś permettere di proseguire nel futuro. "L'assenza dei partiti nei confronti della nostra azione, [Ě] anche solo un manifesto di solidarietł" Ć sentita da Elisabetta Carullo come una mancanza che rende ancora piŁ pesante e, soprattutto, rischia di rendere precario il lavoro fatto fino ad ora.
"La societł civile organizzata di Stefanaconi [Ě] non ha radici salde, non ha una storia", racconta Carullo che ritiene, quindi, che "vada tenuta alta l'attenzione, in modo che tutto questo si radichi nel territorio e la mafia non trovi piŁ spazio".
Il libro di Renate Siebert Ć nato dal desiderio di far conoscere questa storia coraggiosa anche perchÄ, come scrive nella conclusione, "i misfatti mafiosi sono visibili e amplificati dai mass media: sommersa, il piŁ delle volte, rimane la resistenza civile".

Indice recensioni

Torna alla Home Page